• Lissagaray, la plume et l'épée.
  • 3 Oeuvres de Prosper-Olivier Lissagaray
  • History of the Paris Commune of 1871 by Lissagaray
  • Lissagaray, Prosper Olivier, 1838-1901

History of the Paris Commune of 1871

Too low to display

Nel fonda dove denuncia la corruzione del governo - lo ne è un esempio - e l'inerzia dei deputati socialisti. Il 6 giugno anche cessa le pubblicazioni e Lissagaray scrive ancora qualche articolo nel di . Dirige poi la rivista e pubblica nel la versione definitiva dell'.

Nel fonda , che si fonda con di e Paul Lafargue, assumendo il titolo di . La collaborazione è però difficile e Lissagaray torna a occuparsi da solo della , con un programma che cerca di unire tutte le correnti del socialismo francese. Il 23 gennaio le poche vendite lo costringono a cessare le pubblicazioni. Il 25 maggio Lissagaray entra a far parte, come segretario generale, della , fondata da , e , contro le mire reazionarie del generale . Lissagaray ne scrive il manifesto, . riprende le pubblicazioni nel gennaio , che sospende nuovamente nell'aprile del .

Reviews

History of the Paris Commune of 1871 by Lissagaray

Nella conferenza tenuta il 29 febbraio sul tema , Lissagaray definì , scomparso nel e molto popolare tra i giovani, «forse il solo poeta francese che possa sedurre al punto d'ispirare indulgenza a quegli stessi che lo condannano». Ma questa indulgenza, secondo Lissagaray, non è giustificata: tutti i personaggi di Musset «riproducono invariabilmente lo stesso tipo del libertino dal pensiero indeciso, vago, e della vergine predestinata a un tale uomo», perché il poeta stesso è «un uomo senza opinioni, senza convinzioni, senza principi, che pretende incarnare lo spirito dell'epoca». La conferenza fu interrotta dalle proteste di una parte dei presenti, ne seguirono polemiche nella stampa, e Lissagaray pubblicò il testo della conferenza.